giallo108® > multibang
multibang
   
   
la teoria del big bang  
 

Il Big Bang è un modello cosmologico basato sull'idea che l'universo iniziò a espandersi a velocità elevatissima in un tempo finito nel passato a partire da una condizione di curvatura, temperatura e densità estreme e che questo processo continui tuttora

è il modello predominante nella comunità scientifica e ha avuto conferme basate su prove e osservazioni astronomiche

la maggior parte degli scienziati è convinta che un evento simile al Big Bang ha effettivamente avuto luogo quasi 14 miliardi di anni fa

   
la teoria del big bang fa acqua da tutte le parti
   

La teoria ha tuttavia dei limiti: procedendo idealmente a ritroso nel tempo, in un processo inverso all'espansione, densità e temperatura aumentano fino a un istante in cui questi valori tendono all'infinito e il volume tende a zero, così che le attuali teorie fisiche non sono più applicabili

Per questo la teoria non è adeguata a descrivere la condizione iniziale, ma fornisce un'ottima descrizione dell'evoluzione dell'universo da un determinato momento in poi

Sul fronte sperimentale, negli acceleratori di particelle si studia il comportamento della materia e dell'energia in condizioni estreme, vicine a quelle in cui si sarebbe trovato l'universo durante le prime fasi del Big Bang, ma senza la possibilità di esaminare il livello di energia all'inizio dell'espansione

dunque questa è a grandi linee la descrizione che oggi appare la più verosimile di questo famoso big bang, il grande scoppio da cui tutto ebbe inizio

che questa teoria abbia delle falle è più che palese; non a caso resta una teoria dopo decenni di annunci, smentite, variazioni e interpretazioni

 
   
   
l'altra sciocchezza della materia oscura
   

e poiché è stato osservato che qualcosa "non funziona" e cioè che i calcoli che seguono la teoria del big bang vengono smentiti da ciò che a volte si osserva - galassie che hanno movimenti anomali o contrari a quanto ci si aspetterebbe - ecco che, per dare una spiegazione logica, si è introdotto il concetto di materia oscura

tale concetto secondo noi è del tutto arbitrario e traballa ancora più della teoria stessa del big bang: non si vuole ammettere che quest'ultima è una colossale stupidaggine e, anzi, per avvalorarla, ci si inventa situazioni strane, assurde, per nulla dimostrate o dimostrabili

 
   
   
in realtà è tutto molto più semplice: è in atto il multibang
   

secondo noi le cose stanno in modo totalmente diverso e molto più semplice

oseremmo dire elementare

il grande scoppio c'è stato, certamente, ma non è stato l'unico

anzi ve ne sono stati moltissimi, nello stesso luogo e in luoghi diversi, nello stesso tempo e in tempi diversi

cerchiamo di spiegarlo in modo semplice, come è nostra abitudine: se riusciamo a farci capire da un ragazzino o da persone con poca istruzione allora è probabile che tutti ci possano comprendere

immaginiamo che il famoso big bang sia uno scoppio, una specie di bomba potentissima, talmente forte che non distrugge un'auto o una casa come nei film, ma addirittura proietta intere galassie lontano dal punto dello scoppio in senso radiale

quindi abbiamo masse enormi di galassie, stelle con i loro pianeti che - bùm - vengono scagliati a distanze enormi e a velocità enormi

poiché l'universo è vuoto tra una galassia e l'altra (la materia oscura che riempie i vuoti è una sciocchezza creata ad arte per avvalorare una teoria sbagliata) queste stelle continuano ad allontanarsi all'infinito e non c'è niente che le può fermare

cerchiamo di immaginare il tutto proprio come un grande scoppio le cui conseguenze sono infinite

ciò significa che questi grandi ammassi stellari sono destinati a non incrociarsi mai, proprio perché la forza iniziale ne determina un costante allontanamento

eppure si è osservato che alcune galassie hanno cambiato direzione, e anzi si muovono al contrario

come è possibile?

è possibile se riusciamo a immaginare che lo scoppio non è stato solo uno, ma ve ne sono stati molti, forse moltissimi

e, per quello che ne sappiamo, è possibile che ve ne siano anche in questo momento e che ve ne saranno molti in futuro

noi chiamiamo tutto ciò come la teoria del multibang

in pratica, se si verificano più scoppi, uno dopo l'altro, o anche uno contemporaneamente all'altro, ognuno incide sulla traiettoria degli oggetti scagliati dal centro dello scoppio verso la periferia

cioè lo scoppio "b" può avere effetti non solo sulle proprie galassie ma anche su quelle messe in movimento dallo scoppio "a"

tale condizionamento vale se i due scoppi sono vicini tra loro come distanza

per quanto riguarda il tempo, invece, lo scoppio "b" può incidere sul movimento delle stelle che si allontanano da "a" anche dopo milioni o miliardi di anni

è come se più bocce si scontrassero tra loro in un tavolo da biliardo: gli urti determinano nuove traiettorie sia se avvengono contemporaneamente sia se una palla in movimento viene urtata in un secondo momento: la sua traiettoria cambierà in funzione della forza e del punto dell'urto

infatti la boccia verrà deviata in modo più o meno visibile a seconda che venga urtata al centro o da un lato

 
   
 
funziona come i fuochi d'artificio
   

provando ad essere più chiari possibile, il tutto funziona come i fuochi d'artificio: non ce n'è solo uno, ma molti, moltissimi

immaginiamo che lo spettacolo non duri mezz'ora ma milioni e milioni di anni

con infiniti scoppi, a breve o lunga distanza fra loro e anche a breve o lungo periodo di tempo fra loro

le bocce-galassie si muovono e poi vengono urtate in un secondo momento

oppure gli urti sono migliaia

oppure anche è possibile che alcune bocce non vengano più urtate e quindi proseguano all'infinito nella traiettoria data dal primo bang

ovviamente non va considerata la forza di gravità che, tramite l'attrito col tappeto, rallenta le bocce fino a farle fermare: le stelle viaggiano nel vuoto e non si fermano, a meno che, sfiorandosi, non intervenga la forza di gravità che le fa avvicinare una all'altra, deviandole quindi dalla traiettoria iniziale

quindi i multibang e la gravità determinano le condizioni per cui oggi osserviamo movimenti "strani" delle stelle attraverso i più moderni telescopi; strani solo perché non si vuole ammettere che la teoria del big bang proprio non sta in piedi

parlavamo di fuochi d'artificio: se si guarda il filmato che segue ci si può rendere conto di come possano esistere più scoppi - bùm, bùm, bùm - e di come ne possano esistere anche in futuro