giallo108® > ricerca, misurazione del tempo
 
misurazione del tempo
   
   
 
   
nome pagina
...
nome argomento misurazione del tempo
nome ricerca cogito, sistema di riferimento
anno 2015 (inizio)
descrizione
testo in fase di uploading...
ideatori ottorino piccinato
autori prima parte ricerca
irene saporito, simone picco in beyond
autori sviluppo ricerca giulia bucella, simone picco, ottorino piccinato in beyond
autori ricerca attuale
ottorino piccinato e ricercatori
 
     
 

attraverso cogito giallo108 rivoluziona i sistemi di riferimento convenzionalmente utilizzati e presi inconfutabilmente per esatti e "corretti", i migliori possibili fino ad oggi

tra questi cogito non tralascia la questione della misurazione del tempo

la misurazione del tempo si basa sulla vita reale delle persone e sulle esigenze legate all'alternanza lavoro-tempo libero

la misurazione sessagesimale non pare avere motivi di esistere se non essere un residuato di come vari popoli misuravano lo scorrere del tempo

i babilonesi divisero il giorno in 12 ore, poi gli egizi introdussero le 24 ore (ma ogni ora aveva una durata differente) e i greci trovarono scomoda la flessibilità delle ore egizie e per semplificare i calcoli ne uniformarono la durata

se anche all'inizio un motivo non arbitrario ci può essere stato, a noi non ne è giunta alcuna traccia

perchè dunque perpetrare questa convenzione?

inoltre non siamo certo i primi a voler rivoluzionare i sistemi di riferimento

prima ci provarono i rivoluzionari francesi, poi, in modo diverso, la swatch

entrambi gli esperimenti vennero abbandonati, quindi campo libero al nuovo sistema di misurazione cogito!

ora, come il lavoro è sempre più flessibile e più che mai adattabile a luoghi e tempi, così il tempo di cogito è semplice e flessibile

semplice perché basato sul sistema decimale e quindi intuitivo

flessibile poiché adattabile ai più disparati stili di vita

il tempo di cogito prende come primo riferimento il giorno, che chiamiamo gallina

le galline sono aggregate in periodi di 10 con una struttura di base che prevede periodi di 4 galline lavorative e 2 di riposo alternati a periodi di 3 galline lavorative e 1 di riposo (4+2+3+1=10)

il periodo di 10 galline prende il nome di pollaio

il sistema è integrato da un pacchetto di galline di riposo suddivisi tra feste nazionali/ricorrenze religiose e/o laiche e galline bonus che i datori di lavoro possono concedere ai dipendenti

l'attuale anno è composto da 100 galline e non più 365

infatti procedendo di cento in cento avremo finalmente una sana alternanza stagionale del capodanno (ricorrenza che manteniamo, ma a cui verrà cambiato il nome)

 
   
   
  perché la giornata è divisa in 24 ore?  
     
secondo cogito non ci sono risposte logiche o soddisfacenti: non si capisce dove sia l'utilità nel suddividere il giorno in 24 unità anziché in 10 o 20 o altro

la difficoltà che chiunque di noi incontra nel trasformare le ore in minuti e in secondi è la più palese dimostrazione che il sistema di riferimento attuale è illogico e assurdo: è difficile da capire, da utilizzare e da spiegare ad altre persone

facciamo un esempio per rendere l'importanza della rivoluzione di cogito perché ci si possa rendere conto meglio dell'assurdità di alcune situazioni attuali; rispondi in tempi rapidi al prossimo quesito:

- quanti secondi sono 2 giorni, 3 ore, 54 minuti?

dì la verità: ti serve un po' di tempo per fare il calcolo perché devi moltiplicare 2x24, poi aggiungere 3x60... ecc...

non è facile, non è immediato e il sistema ci mette di fronte a difficoltà inutili, quando invece siamo molto più abituati a moltiplicare per 10 (aggiungendo uno zero) o a dividere per 10 (togliendo uno zero o spostando la virgola)

cogito punta alla semplicità suddividendo ogni unità in decimi, centesimi e millesimi e non in ventiquattresimi, dodicesimi e sessantesimi

inoltre è ancora meno logico il fatto che la rappresentazione delle 24 ore venga fatta attraverso 2 giri completi della sfera delle ore in un orologio comune

a tal proposito consigliamo la lettura della pagina "leggere l'orologio"

perché, se il giorno è diviso in 24 ore, ogni ora è divisa in 60 minuti (detti anche primi) e non 10 o 50 o 100 ecc…?

perché, se il giorno è diviso in 24 ore, e l'ora in 60 minuti, ogni minuto è diviso in 60 secondi?

perché, se il giorno è diviso in 24 ore, l'ora in 60 minuti, il minuto in 60 secondi, il secondo è diviso in decimi, centesimi e millesimi?

dove sta la relazione logica tra 24, 60 e 10/100/1000?

la logica semplicemente non c'è, quindi in cogito abbiamo deciso di dividere la giornata in 10 unità

la gallina è divisa in 10 creste

la cresta è divisa in 10 uova

l'uovo è diviso in 10 pulcini

facendo riferimento all'attuale sistema di misurazione del tempo, poiché in un giorno ci sono 1440 minuti…

1 pulcino = 14'40"

nell'uso comune non vediamo l'esigenza di suddividere ulteriormente il pulcino, ma ciò può essere fatto per esempio per gli orari di bus e treni e in qualsiasi occasione in cui serva un'estrema precisione

quindi…

il pulcino è diviso in 10 piume

1 piuma = 10 barbe

1 barba = 14'40"/100 = 880"/100 = 8,8"

1 centibarba = barba/100 = 0,088"

1 millibarba = barba/1000 = 0,0088"
   
   
  vengono aboliti i concetti di millennio, secolo, anno, stagione, mese, settimana  
     
se viene mantenuto il concetto di giorno (gallina) perché quasi chiunque ha come riferimento la vita quotidiana scansita in giornate fatte di periodi diurni e notturni, vengono invece aboliti i concetti di millennio, secolo, anno, stagione, mese, settimana

in particolare, viene abolita la stagione perché non si vede il motivo di dover dividere un anno in 4 parti

e poi, con il clima mutevole degli ultimi anni, è il concetto stesso di stagione a non avere più senso: per esempio l'inverno, che dovrebbe essere la stagione più fredda, inizia il 21 dicembre quando in realtà il freddo, nell'emisfero nord, è già arrivato da più di un mese

infatti una stagione dovrebbe avere un inizio, un apice e una fine, cioè un diagramma in cui la parte centrale della curva rappresenta il culmine della stagione, mentre inizio e fine dovrebbero presentare le stesse caratteristiche

invece, sempre per restare con l'esempio dell'inverno, il 21 dicembre (inizio) statisticamente fa molto più freddo del 21 marzo, mentre l'apice del freddo è solitamente gennaio

invece dovrebbe essere febbraio

quindi chi ha diviso l'anno in 4 non ha considerato che, pur volendo dare un senso alla cosa, l'inizio e la fine delle stagioni non corrispondono assolutamente alle date di solstizi ed equinozi perché il clima necessita di un certo periodo di tempo (circa un mese) per cambiare, e non lo fa da un giorno all'altro

cogito rifiuta quindi il concetto di stagione anche per questo ritardo di 30 giorni che passa dalla divisione delle stagioni alla loro reale percezione da parte nostra

inoltre le stagioni non durano lo stesso numero di giorni: l'estate comincia già a inizio giugno, e forse anche prima, e termina il suo effetto metà/fine settembre, quindi dura un mese in più

l'autunno è tale a ottobre e novembre mentre, come detto, l'inverno è percepibile già a dicembre

se comunque potrebbe avere senso dividere l'anno in 4 considerando i due solstizi e i due equinozi, ha molto meno senso dividere l'anno in 12 mesi

perché 12? è illogico

ed è altrettanto illogico che alcuni mesi durino 31 giorni, altri 30 e uno 28

a proposito di febbraio, quando è bisestile dura 29 giorni per compensare lo sbaglio nella creazione di un sistema di riferimento che metta in relazione le rotazioni della terra (giorni) con il tempo di rivoluzione della terra intorno al sole (anno)

infatti la terra ruota su sé stessa 365,25 (circa) volte mentre fa 1 giro intorno al sole: quindi è stato deciso che per tre anni la terra fa 365 rotazioni e un anno su quattro ne fa 366

tutto ciò è assurdo

poiché la divisione 1/365,25 è poco pratica, anche se avrebbe un riscontro con la fisica del rapporto rivoluzione/rotazioni, cogito ha cancellato il concetto stesso di anno: l'anno non esiste

cogito ha creato il pollaio, che corrisponde a 10 galline e poi la fattoria, che corrisponde a 100 galline

quindi, ricapitolando, abbiamo:

fattoria = 10 pollai
pollaio = 10 galline
gallina = 10 creste
cresta = 10 uova
uovo = 10 pulcini
pulcino = 10 piume
piuma = 10 barbe
barba = 100 centibarba
centibarba = 10 millibarbe

vedi la tabella di riferimento per la misurazione del tempo
   
  le galline del pollaio  
     
le galline, che corrispondono agli attuali giorni, sono 10 all'interno del pollaio

viene quindi a decadere il concetto di settimana (uno dei tanti nonsensi che abbiamo deciso di eliminare), concetto che viene sostituito dal pollaio composto da 10 galline in base allo schema delle galline lavorative e di riposo
   
  ° ° ° ° * * ° ° ° *  
   
  ° = gallina lavorativo

* = gallina di riposo
 
   
  resta quindi invariato il concetto di giornata inteso come riferimento temporale dettato dall'alternanza di giorno e notte, e cioè di tempo che la terra impiega per compiere una rotazione completa attorno al proprio asse

l'alternanza giorno/notte scandisce la vita del nostro organismo e quella della maggior parte degli organismi viventi sul nostro pianeta ed è quindi un buon punto di riferimento anche per cogito

in pratica, poiché una gallina corrisponde a un'attuale giornata, un pollaio rappresenta un ciclo lavorativo di 10 giorni, con l'alternanza 4+2+3+1=10

la tabella di riferimento per la misurazione del tempo riporta il rapporto tra la gallina e le altre unità di tempo che si ottengono moltiplicando o dividendo per 10
 
   
 
  nomi assegnati ad ogni singola gallina  
     
ad ogni gallina abbiamo assegnato il nome di un personaggio italiano che ha fatto la storia

non è stato facile perché fortunatamente sono centinaia gli italiani che hanno fatto la storia dell'italia e del mondo intero

però abbiamo a disposizione solo 1i posizioni: le 10 galline che compongono il pollaio e in più la gallina bonus che corrisponde al riposo assegnato al lavoratore per raggiungere il numero minimo sindacale di galline di riposo

quindi, se durante una fattoria (10 pollai, 100 galline) ci sono un certo numero di galline di riposo, ne possono essere assegnate altre "bonus" in base agli accordi presi tra azienda e dipendente (ferie, viaggi, compleanno, ecc...)

di seguito inseriamo i nomi utilizzati per le 11 galline
   
   
   
  quindi ad ogni nome viene assegnata una gallina; 10 nomi = 10 galline = 1 pollaio, con l'aggiunta della gallina bonus che è la n.11

ecco quindi che l'elenco completo è il seguente
 
   
   
   
  il pollaio è così scandito in galline lavorative e galline di riposo, con l'aggiunta di galline bonus a seconda dei contratti stipulati  
   
  ces - col - dan - fer - fra - gao - gio - leo - man - mic

raf
 
   
  da che data iniziamo?  
     
si dice che l'universo abbia avuto origine circa 14 miliardi di anni fa, ma cogito considera questo dato totalmente inventato, confutabile in qualsiasi momento e assolutamente non dimostrabile

infatti il "calcolo" (ma è ridicolo utilizzare questo termine) viene fatto in base alla velocità di allontanamento delle galassie fra loro, fatto che farebbe ricondurre a una sorta di start databile, appunto, a quella data andando a ritroso nel tempo

si tratta del cosiddetto big bang, che in realtà non è mai esistito, o meglio è uno dei molti "bang" AVVENUTI IN PASATO E CHE AVVERRANNO IN FUTURO

NE PARLIAMO IN QUESTO ARTICOLO

l'aspetto ridicolo è che, come dimostrato da Einstein e altri fisici, il tempo varia in funzione della velocità

quindi, come possiamo misurare il tempo così remoto se non conosciamo la natura del Big Bang e non siamo assolutamente in grado di valutare quale potesse essere la velocità iniziale di detta esplosione?

che parametri utilizzano gli scienziati?

l'osservazione con il telescopio Hubble?

ma per favore, è follia: Hubble è il miglior giocattolo che siamo riusciti a mettere in orbita, ma di gran lunga lontano dall'essere considerato un sistema di osservazione preciso

e poi, quanti universi conosciamo?

chi ci assicura che il Big Bang di cui si parla non sia uno dei tanti che possa essersi verificato prima e dove?

il concetto di "prima" e quello di "dove" hanno poco senso dato che non siamo in grado di osservare e valutare la possibile esistenza di altri universi

quindi il tempo, così come ci viene proposto da persone di scienza che in realtà sanno poco o nulla di ciò che ci circonda (non sanno ancora se esiste l'antimateria, non sanno cos'è la materia oscura, non sanno se è possibile superare la velocità della luce e noi diciamo di sì, assolutamente sì…!) non è misurabile

e allora che riferimenti adottiamo?

- la costruzione delle piramidi? no perché non sono databili e non si sa ancora se le abbiano realizzate umani o alieni

- la fondazione di Roma? no perché è tutto troppo leggendario e poco realistico

- la nascita di Gesù Cristo, come si usa attualmente? no perché nessuno in realtà conosce esattamente luogo e data di nascita

sarebbe più logico partire dalla morte di Gesù, che è una data certa; inoltre il mondo è cambiato con la morte di Gesù e non con la sua nascita

- come alternativa abbiamo la fondazione di Beyond, IL NOSTRO BRAND CHE HA DATO INIZIO ALLA RICERCA COGITO, che in Italia è avvenuta il 30 dicembre 2014

però in precedenza è stata fondata Beyond LTD a Londra

quindi quella potrebbe essere la data: o quella o la morte di Gesù

cogito sta studiando questo aspetto

ovviamente non vogliamo essere blasfemi nel paragonare i due eventi, ma è solo per determinare una data certa da porre come tempo zero

in alternativa potrebbe essere preso in considerazione un evento importante avvenuto successivamente alla morte di Gesù, come la data di un trattato di pace o un evento particolarmente significativo, terrestre o NO

esempi:

- Scoperta del Fuoco (non databile con precisione)

- Invenzione della ruota (non databile con precisione)

- Invenzione della scrittura (non databile con precisione)

- Invenzione dell'alfabeto moderno (non databile con precisione)

- Inizio della civiltà greca (non databile con precisione)

- Fondazione di Roma (non databile con precisione)

- Invenzione del ferro (non databile con precisione)

- Nascita di Confucio

- Nascita di Buddha

- Morte di Alessandro Magno

- Unificazione dell'antica Cina

- Morte di Giulio Cesare

- Fondazione dell'Impero Romano

- Nascita di Gesù di Nazareth

- Caduta dell'Impero Romano D'Occidente

- Carlo Magno e il Sacro Romano Impero

- Scisma Oriente

- Gutenberg e l'invenzione della stampa

- Cristoforo Colombo e la scoperta dell'America

- Martin Lutero e le 95 tesi

- Sacco di Roma

- Copernico e la sua rivoluzione

- Invenzione del microscopio

- Newton e la legge di gravitazione universale

- Rivoluzione industriale

- Dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti

- Rivoluzione Francese

- Pila di Volta

- Waterloo e la fine dell'impero di Napoleone

- Telegrafo e Codice Morse

- Darwin e l'origine della specie

- Unità d'Italia

- Breccia di Porta Pia

- Antonio Meucci e l'invenzione del telefono

- Thomas Edison e l'invenzione della lampadina

- Guglielmo Marconi e l'invenzione della radio

- Primo volo aereo dei Fratelli Wright

- Albert Einstein e la teoria della relatività

- Rivoluzione russa

- Fine della Prima Guerra Mondiale

- Alexander Fleming scopre la penicillina

- Crisi del 1929 e il crollo di Wall Street

- Salita al potere di Adolf Hitler

- Bombe nucleari su Hiroshima e Nagasaki

- Nascita della Repubblica Italiana

- Nascita della Repubblica Popolare Cinese

- Guerra Fredda

- Invenzione della Pillola contraccettiva

- Uomo sulla Luna

- Crollo del Muro di Berlino

accettiamo proposte! LA RICERCA è TUTTORA IN ATTO E CHIUNQUE PUò DARE IL SUO CONTRIBUTO